Regione Veneto: erogazione di contributi finalizzati all’efficientamento energetico delle PMI

La Regione Veneto, con DGR 90/2020 mette a disposizione delle PMI venete 13.346.990€ a valere sul POR FESR 2014-2020, Azione 4.2.1, al fine di agevolare piani di risanamento degli edifici aziendali. Sono ammissibili i progetti coerenti con il Piano Energetico Regionale finalizzati al contenimento della spesa energetica, alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti e alla valorizzazione delle fonti rinnovabili secondo le opportunità di risparmio energetico individuate e quantificate dalla diagnosi energetica.

Soggetti destinatari

PMI Venete che esercitano un’attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati nell’allegato B al presente bando. Al fine di verificare l’appartenenza dell’impresa richiedente a uno dei codici ISTAT ATECO 2007 ammissibili, si farà riferimento esclusivamente al codice dell’unità operativa (sede legale o unità locale) in cui si realizza l’intervento, rilevato dalla visura camerale

Spese ammissibili

  • costi relativi all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, sistemi, componenti, nonché le relative spese di montaggio e allacciamento; le spese relative al software di base, indispensabile al funzionamento di una macchina, di un impianto o di una attrezzatura, concorrono alla spesa relativa alla macchina governata dal software medesimo.;
  • costi relativi a lavori edilizi e impiantistici, anche per la produzione di energia da fonte rinnovabile, strettamente connessi e dimensionati rispetto al  programma di investimenti. Le spese di progettazione, direzione lavori e collaudo sono ammissibili nel limite  massimo di euro 10.000 €;
  • Spese tecniche per le diagnosi energetiche ante intervento eseguite a partire dal 1°/1/2019 e post-intervento (massimo 5.000€ ciascuna);
  • Spese per il rilascio, da parte di organismi accreditati, delle certificazioni di gestione ambientale o energetica (massimo 10.000€);
  • Premi versati per le garanzie relative alla fideiussione (nel caso in cui il Beneficiario intenda avvalersi dell’anticipo)

Contributo

viene concesso un contributo in conto capitale per il 30% delle spese ammissibili, con

  • minimo 80.000€ di spesa ammissibile (24.000€ di contributo)
  • massimo 500.000€ di spese ammissibile (150.000€ di contributo)

e conclusione del progetto entro il 10/05/2022

Regime di Aiuti

l’impresa richiedente il sostegno dovrà scegliere uno dei seguenti regimi di aiuto:

  • regime di aiuti ai sensi e nei limiti del Regolamento (UE) “de minimis” n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013;
  • regime di aiuti compatibili con il mercato interno ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014, articoli 18 “Aiuti alle PMI per servizi di consulenza”, 38 “Aiuti agli investimenti a favore di misure di efficienza energetica”, 41 “Aiuti agli investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili” e 49 “Aiuti per gli studi ambientali”.

Modalità di pagamento

Anticipo facoltativo (40%); acconto facoltativo; saldo.

Scadenze

  • Data di apertura: 15/04/2020, ore 10.00
  • Data di chiusura: 10/09/2020, ore 17.00

Valutazione

La graduatoria provvisoria è formata in ordine decrescente, a partire dal progetto che presenta il miglior rapporto tra risparmio energetico e costo del progetto a cui segue una valutazione di merito seguendo l’ordine della graduatoria provvisoria. A parità di posizione nella graduatoria provvisoria, la priorità sarà assegnata al progetto che avrà ottenuto il punteggio più alto. A parità di economicità del progetto e di punteggio assegnato, è data priorità all’ordine cronologico di presentazione delle domande, andando così a formare la graduatoria definitiva che verrà pubblicata entro 120 giorni dalla chiusura dei termini per la presentazione.

 

Per informazioni non esitare a contattarci

Resta aggiornato su ogni opportunità, bando o finanziamento!