Unioncamere Lombardia: Bando E-Commerce 2020

Dotazione finanziaria

Le risorse stanziate ammontano a totali 2.618.000,00€

Destinatari e obiettivi

Micro e PMI lombarde che intendono sviluppare e consolidare la propria posizione sui mercati tramite lo strumento dell’e-commerce incentivando l’accesso a piattaforme B2B e/o B2C e/o sistemi e-commerce proprietari quali siti e/o app.

Tipologia di progetti

incentivare gli investimenti inerenti alla vendita online, con

  • investimento minimo pari ad € 4.000
  • contributo a fondo perduto pari al 70% delle spese ammissibili, al netto del 4% di cui all’art 28 secondo comma D.P.R 600/73, fino ad un massimo del contributo di € 10.000 (€ 14.285 di spesa)
  • le fatture e i relativi pagamenti devono esser effettuati successivamente alla data del 23/06/2020

Elenco spese ammissibili:

a) accesso ai servizi di vendita online sui canali prescelti (tariffe di registrazione ed eventuali quote determinate in percentuale sulle transazioni effettivamente realizzate, sostenute durante il periodo di validità del progetto);

b) analisi di fattibilità del progetto, con particolare riferimento alle esigenze di adeguamento amministrativo, organizzativo, formativo, logistico, di acquisizione di strumenti e servizi;

c) organizzazione di interventi specifici di formazione del personale, fino a un limite massimo del 20% della somma delle restanti voci di spesa ad esclusione della voce a);

d) acquisizione ed utilizzo di forme di smart payment;

e) realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale export digitale, con specifico riferimento al portafoglio prodotti, ai mercati esteri e ai siti di vendita online prescelti (p.e.: predisposizione delle schede prodotto nonché di tutorial, gallery fotografiche, webinar, per la presentazione degli articoli e relative traduzioni in lingua);

f) progettazione, sviluppo e/o manutenzione di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile), anche per quanto riguarda la sincronizzazione con canali marketplace forniti da soggetti terzi;

g) progettazione, sviluppo e/o manutenzione di piattaforme di AR Business commerce, ad esempio simulatori 3D olografici che permettano di visualizzare gli ambienti (es. per mostrare la propria azienda: dotazione tecnologica, parco macchine,..), servizi, lavorazioni e prodotti (visualizzando i dati tecnici di interesse, esempi di lavorazioni effettuate, etc..);

h) sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali digitali prescelti verso i mercati esteri selezionati;

i) automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web (API – Application Programming Interface);

j) raccordo tra le funzionalità operative del canale digitale di vendita prescelto e i propri sistemi CRM;

k) protezione e/o registrazione dei marchi e/o degli articoli compresi nel portafoglio prodotti nei mercati di destinazione prescelti;

l) campagna digital marketing ed attività di promozione sui canali digitali, fino un limite massimo del 20% della somma delle restanti voci di spesa ad esclusione della voce c).

In ogni caso le spese devono

  • essere intestate all’impresa che richiede il contributo;
  • essere sostenute e quietanzate a partire dalla data di approvazione del Bando con Determina D.O. di Unioncamere Lombardia;
  • essere sostenute e quietanzate entro la data massima del 31 marzo 2021;
  • essere comprovate da fatture interamente quietanzate, o documentazione fiscalmente equivalente, ed emesse dal fornitore di beni/servizi;
  • essere comprovate da documentazione bancaria o postale, comprensiva di estratto conto, attestante il pagamento per intero del titolo di spesa esclusivamente da parte del soggetto beneficiario;
  • riportare nell’oggetto della fattura elettronica la dicitura “Spesa sostenuta a valere sul “BANDO E-COMMERCE 2020” e il codice CUP assegnato in fase di concessione.

Al termine delle attività previste, i progetti dovranno aver dimostrato l’avvio dell’attività di vendita online salvo che l‟impresa, in fase di descrizione del progetto, sia in grado di dimostrare che la tipologia di prodotti e/o i mercati di riferimento rendano impossibile o non conveniente l’effettuazione delle transazioni commerciali online. In questo ultimo caso, il portale e-commerce dovrà quanto meno permettere la possibilità di richiedere un preventivo o un ordine di acquisto

Fornitori

Non possono essere fornitori di beni e di servizi imprese o soggetti che siano in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con i beneficiari. Per assetti proprietari sostanzialmente coincidenti si intendono tutte quelle situazioni che – pur in presenza di qualche differenziazione nella composizione del capitale sociale o nella ripartizione delle quote – facciano presumere la presenza di un comune nucleo proprietario o di altre specifiche ragioni attestanti costanti legami di interessi anche essi comuni (quali legami di coniugio, di parentela, di affinità, …), che di fatto si traducano in condotte costanti e coordinate di collaborazione e di comune agire sul mercato.

Tempistiche e modalità di presentazione

Le domande di partecipazione devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, dalle ore 10.00 del 25 giugno 2020 alle ore 12.00 dell’11 settembre 2020 e non sono soggette al pagamento di marca da bollo.

Graduatorie

Non si tratta di un click day, le risorse verranno assegnate con procedura valutativa e le graduatorie saranno pubblicata entro il 30/10/2020

Regime di Aiuti

Gli aiuti sono concessi sulla base del Regime quadro della disciplina degli aiuti SA.57021 e in particolare nella sezione 3.1. della comunicazione della Commissione Europea approvata con Comunicazione (2020) 1863 del 19.3.2020 “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell‟economia nell‟attuale emergenza del COVID-19” e ss.mm.ii, nei limiti e alle condizioni di cui alla medesima comunicazione ed all‟art. 54 del D.L. 34/2020 e delle rispettive disposizioni comuni citate.
In alternativa, su richiesta del beneficiario o d’ufficio, ove sussistano i requisiti, gli aiuti potranno essere concessi nel rispetto del Regolamento (UE) 1407/13 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell‟Unione Europea agli aiuti «de minimis»

 

Vi invitiamo a contattarci per approfondirne i dettagli

Resta aggiornato su ogni opportunità, bando o finanziamento!