Bando Turismo ed attrattività – Regione Lombardia

Sostegno alla competitività della imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa

 

OBBIETTIVI:

Il Bando sostiene progetti di riqualificazione di strutture ricettive alberghiere, extra-alberghiere e di pubblici esercizi. I progetti candidati devono afferire ai seguenti temi del posizionamento strategico turistico di Regione Lombardia:

  • enogastronomia & food experience
  • fashion e design
  • business congressi & incentive
  • natura & green
  • sport & turismo attivo
  • terme &

 

 

BENEFICIARI:

Beneficiari del bando sono soggetti che:

  • sono proprietari delle strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere e dei pubblici esercizi oggetto di intervento;
  • gestiscono, a titolo di proprietà o in virtù di un contratto di affitto o di un’altra tipologia di contratto riconosciuta nell’ordinamento giuridico, le strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere e i pubblici esercizi oggetto di intervento purché i proprietari dei beni siano persone fisiche che non svolgono attività economica ed il gestore sostenga i costi del progetto oggetto della domanda di agevolazione.

 

 

IN FORMA IMPRENDITORIALE, IVI COMPRESA LA DITTA INDIVIDUALE:

le imprese che possiedono, al momento della presentazione della domanda di partecipazione al Bando, i seguenti requisiti:

  1. essere PMI secondo i criteri riportati nell’allegato I del Regolamento (UE) 651 del 17 giugno 2014;
  2. avere sede operativa in Lombardia oppure, se l’impresa è già attiva e costituita altrove, impegnarsi a costituire una sede operativa in Lombardia entro e non oltre la prima richiesta di erogazione dell’agevolazione secondo la modalità di cui all’articolo C.4 (Modalità e adempimenti per l’erogazione dell’agevolazione);
  3. essere regolarmente costituite, iscritte e dichiarate attive2 al registro delle imprese alla data di presentazione della domanda di partecipazione al Bando3;
  4. di avere agli atti la documentazione attestante il rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza e sostenibilità ambientale;
  5. non essere in difficoltà, secondo la definizione di cui all’articolo 2 punto 18 del Regolamento (UE) n. 651/2014;
  6. svolgere un’attività classificata con i codici ATECO 2007 (si fa riferimento al codice ATECO – attività principale o secondaria indicata in visura camerale alla data di presentazione della domanda) di cui alla divisione:
  • 55 ALLOGGIO e tutti i sottodigit ad esclusione delle attività di alloggio connesse alle aziende agricole;
  • 56 ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE e tutti i sottodigit ad esclusione del 56.2 e dei suoi sottodigit.

La sede operativa principale deve coincidere con la sede di realizzazione del progetto; in caso di più sedi di realizzazione del progetto, ciascuna sede dovrà possedere i requisiti indicati al presente articolo. In particolare, il richiedente dovrà indicare per ciascuna sede il codice ATECO presente in visura camerale alla data di presentazione della domanda e l’importo delle spese ad esse imputabili.

 

IN FORMA NON IMPRENDITORIALE (BED AND BREAKFAST CHE SVOLGONO REGOLARMENTE ATTIVITA’ ECONOMICA):

i soggetti titolari di attività di bed and breakfast che possiedono, al momento della presentazione della domanda di partecipazione al Bando, i requisiti previsti dall’articolo 29 della l.r. n. 27/2015 (“Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo”) e in particolare:

 

  1. esercitare l’attività di bed and breakfast al numero civico di residenza anagrafica del titolare in Lombardia oppure, se i soggetti risiedono ed esercitano attività ricettiva di bed and breakfast altrove, impegnarsi a trasferire la residenza in Lombardia ed a esercitare l’attività di bed and breakfast  al numero civico della residenza anagrafica in Lombardia entro e non oltre la prima richiesta di erogazione dell’agevolazione secondo la modalità di cui all’articolo C.4 (Modalità e adempimenti per l’erogazione dell’agevolazione). La residenza anagrafica deve coincidere con la sede di realizzazione del progetto;
  2. svolgere l’attività ricettiva alla data di presentazione della domanda di partecipazione al Bando;
  3. di avere agli atti la documentazione attestante il rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza e sostenibilità ambientale;
  4. ricavare dall’attività ricettiva un reddito annuo pari ad almeno 5.000,00 euro5. In caso di bed and breakfast che hanno intrapreso l’attività ricettiva da meno di 180 giorni alla data di presentazione della domanda6, i soggetti titolari dovranno impegnarsi a svolgere attività ricettiva per almeno 200 giorni7 e/o a ricavare dalla stessa un reddito pari ad almeno 5.000,00 euro nel periodo temporale a partire dalla data di presentazione della domanda ed entro la data di richiesta di erogazione della tranche a saldo dell’agevolazione.

 

IMPORTANTE:

Tutti i soggetti che intendono partecipare dovranno sottoscrivere 3 dichiarazioni:

  • circa l’obbligo di rimuovere gli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito eventualmente detenuti a qualsiasi titolo alla scadenza del contratto di installazione stipulato con il concessionario e di non procedere con nuove installazioni dalla data di presentazione della domanda di contributo e per i successivi 3 anni dall’erogazione dello stesso;
  • circa l’attestazione che il fatturato o il ricavato dell’attività ricettiva degli ultimi 3 anni derivi interamente dall’attività turistica;
  • circa l’importo complessivo degli aiuti de minimis concessi al soggetto beneficiario nell’arco dell’esercizio finanziario in essere e nei due esercizi finanziari

 

 

ATTIVITÀ FINANZIABILI:

Sono ammissibili al Bando progetti di sviluppo di riqualificazione di strutture ricettive alberghiere, extra- alberghiere e dei pubblici esercizi che afferiscono ad una o più delle seguenti tipologie di intervento:

  • ristrutturazione e riqualificazione degli immobili/aree destinate a uso ricettivo o di pubblico esercizio (arredi, attrezzature, ecc.) e/o delle strutture ed infrastrutture complementari direttamente connesse (es.piscine, campi da tennis, aree a verde, parcheggi, ricoveri biciclette, zone fitness, dehors, vetrine, ecc.);
  • acquisto e installazione di attrezzature e/o di tecnologie innovative. Si fa riferimento a tutti i mezzi tecnologici innovativi atti al miglioramento del servizio offerto nonché a migliorie da apportare ad impianti ed infrastrutture (es.sistemi wi-fi, domotica e building automation, soluzioni innovative per il risparmio energetico e per la sostenibilità ambientale, ).

 

 

SPESE AMMISSIBILI:

Le spese ammissibili devono essere riconducibili esclusivamente alle seguenti tipologie di spesa:

  1. arredi, impianti, macchinari e attrezzature;
  2. acquisto di hardware e software;
  3. opere edili-murarie e impiantistiche;
  4. progettazione e direzione lavori per un massimo dell’8% delle spese ammissibili di cui alla lettera c). Non sono ammesse a contributo le spese relative a:
  5. adeguamenti ad obblighi di legge;
  6. manutenzione ordinaria di impianti, macchinari e attrezzature;
  7. servizi continuativi o periodici comunque connessi alle normali spese di funzionamento dei soggetti partecipanti;
  8. auto fatturazioni da parte dei soggetti beneficiari;
  9. le spese effettuate e/o fatturate al soggetto beneficiario da società con rapporti di controllo o collegamento così come definito ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza ed inoltre le spese in cui vi siano elementi di collusione tra le parti contraenti (ad esempio per motivi di affinità e parentela16).In via d’eccezione tali spese potranno essere ammissibili solo a condizione che il soggetto beneficiario, al momento della presentazione della domanda, documenti che tale soggetto (fisico o giuridico) sia unico fornitore di tale strumentazione/servizio nel

 

Tutte le spese sono ammissibili dalla data di presentazione della domanda.

 

 

DURATA:

I progetti ammessi devono essere realizzati entro 12 (dodici) mesi dalla data di pubblicazione sul BURL dell’elenco delle domande ammesse e non ammesse.

La presentazione della domanda deve essere fatta il giorno 15 maggio alle ore 12.00.

 

 

INTENSITA’ DELL’AIUTO:

  • 40% con un investimento minimo ammissibile di 20.000€

e

  • contributo massimo concedibile
    • 40.000€ per beneficiari in forma imprenditoriale
    • 15.000€ per beneficiari in forma NON imprenditoriale (Bed & Breakfast)

 


 

Per poter presentare il bando sono necessarie le  credenziali per accesso al SIAge.

Si chiede, pertanto, di procedere alla registrazione.

Resta aggiornato su ogni opportunità, bando o finanziamento!