POR FESR 2014 – 2020 Regione Veneto: erogazione di contributi alle nuove imprese anche complementari al settore turistico tradizionale

Al via la DGR n. 1016 del 12/07/2019 con una dotazione di 1.500.00,00€ la seconda edizione del bando  finalizzato a promuovere e sostenere l’attivazione di nuove imprese, anche complementari al settore turistico tradizionale, per la realizzazione di prodotti turistici nuovi rispetto al contesto, con ciò intendendosi l’adeguatezza dell’innovazione o della soluzione che si vuole promuovere rispetto al problema individuato.

Si farà riferimento alla costruzione dell’offerta turistica del cicloturismo, del turismo equestre, del turismo enogastronomico e di altri segmenti turistici innovativi che valorizzino tra gli altri anche il patrimonio intangibile e immateriale, il patrimonio industriale e l’interpretazione di tale patrimonio anche attraverso l’innovazione digitale, per favorire il riposizionamento differenziato della destinazione turistica, nonché lo sviluppo di nuovi prodotti e nuovi servizi, tenendo conto delle mutate esigenze della domanda turistica sulla base di specifiche analisi di mercato.

Destinatari

Possono beneficiare dell’intervento finanziario i seguenti soggetti:

  1. Nel caso di PMI siano iscritte che siano iscritte al Registro delle Imprese da non più di 12 mesi antecedenti al 16/07/2019, data di pubblicazione nel BUR del presente provvedimento oppure che vengano costituite entro la chiusura del bando, quindi entro il 28/11/2019. Sono escluse le start-up innovaative.
  2. Nel caso di professionisti non costituiti in società regolarmente iscritte al Registro Imprese, essere iscritti agli ordini professionali oppure negli elenchi di professioni turistiche previsti dalle leggi regionali oppure aderire alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 ed essere in possesso dell’attestazione rilasciata dalle suddette associazioni ai sensi dell’art.7 della medesima legge n. 4 del L’elenco ministeriale aggiornato delle suddette associazioni professionali è rinvenibile a questo indirizzo. L’attività professionale deve essere iniziata da non più di 12 mesi dal 16/07/2019. Oppure che vengano costituite entro la chiusura del bando, quindi entro il 28/11/2019.

E

che abbiano sede operativa negli ambiti territoriali dei seguenti comuni:

  • comuni – o loro forme associate – dei Sistemi Turistici tematici “Dolomiti”, “Montagna veneta”, “Terme Euganee e termalismo veneto” che abbiano aderito, prima del 16/07/2019, data di pubblicazione sul BUR del bando, ad Organizzazioni di Gestione della Destinazione riconosciute dalla Giunta regionale L’elenco è disponibile al seguente link.
    A titolo di esempio si riportano i comuni veronesi: Badia Calavena; Bosco Chiesanuova; Brentino Belluno; Dolcè; Erbezzo; Sant’Anna d’Alfaedo; Selva di Progno; Velo Veronese; Vestenanova
  • comuni elencati nell’Allegato A1, ovvero:
  1. comuni attraversati da:
    • gli itinerari cicloturistici I1, I2, I3 e I4,
    • l’itinerario cicloturistico I5, Treviso-Ostiglia (solo la parte veneta),
    • le escursioni cicloturistiche E1, E2, E3, E4, E5, E6, E7,
  2. comuni confinanti con i Comuni di cui all’allegato A1;
  3. comuni attraversati dalle ippovie del sistema “La via delle Prealpi” e cioè:
Nome itinerario Comuni interessati
Il Grande Lago dal Monte Baldo Caprino Veronese, Ferrara di Monte Baldo, San Zeno di Montagna
La Valpolicella Superiore Sant’Ambrogio di Valpolicella, Fumane
Le Antiche Terre dei Cimbri Bosco Chiesanuova, Erbezzo
Grandi Alberi e Piccole Dolomiti Recoaro Terme
Le Fortificazioni del Toraro Arsiero, Laghi, Lastebasse
L’Altopiano della Grande Guerra Asiago, Caltrano, Calvene, Lugo di Vicenza, Conco- Lusiana, Roana
I Pascoli di Marcesina Asiago, Enego
Il Monte Sacro alla Patria Borso del Grappa, Seren del Grappa, Valbrenta, Pove del Grappa, Pieve del Grappa
Le Malghe del Cesen Valdobbiadene, Miane, Segusino
Le Dolomiti e la Val Belluna Borgo Val Belluna, Miane
Dal Nevegal al Col Visentin Belluno, Limana
La Foresta della Serenissima Fregona, Farra d’Alpago, Tambre

Interventi ammissibili 

attivazione di imprese anche complementari al settore turistico tradizionale, a carattere innovativo rispetto al contesto, in grado di favorire lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi finalizzati alla costruzione dell’offerta turistica del cicloturismo, del turismo equestre, del turismo enogastronomico e di altri segmenti turistici innovativi che valorizzino tra gli altri anche il patrimonio intangibile e immateriale, il patrimonio industriale e l’interpretazione di tale patrimonio anche attraverso l’innovazione digitale. 

Spese ammissibili

Le spese ammissibili al sostegno devono rientrare nelle seguenti tipologie:

  1. per l’acquisto di beni e servizi funzionali alla creazione e sviluppo del prodotto turistico oggetto della richiesta di sostegno;
  2. per l’acquisto o il noleggio di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, ad esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture;
  3. per interventi edilizi e di impiantistica, così distinte:
    1. spese per interventi edilizi e di impiantistica, finalizzati alla creazione e sviluppo del prodotto turistico oggetto della richiesta di sostegno;
    2. spese per interventi edilizi e di impiantistica dell’impresa richiedente, finalizzati alla realizzazione di strutture ricettive ai sensi degli articoli 25, 26 e 27 della legge regionale 11/2013(*) per le quali dovrà essere ottenuta la necessaria classificazione prima del pagamento del saldo del contributo eventualmente concesso; tali spese saranno ammissibili nella misura massima del 50% della spesa totale del progetto;
  1. per l’acquisto di terreni non edificati, entro il limite del 10% della spesa totale, eventualmente elevabili al 15% per casi specifici
  2. di consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all’impresa per le attività relative alla creazione e sviluppo del prodotto turistico oggetto della richiesta di sostegno nella misura massima del 5% della spesa ammissibile e fino al massimo di 3.000,00€
  3. per la promozione e la commercializzazione del prodotto turistico oggetto della richiesta di sostegno nella misura massima del 20% della spesa ammissibile;
  4. per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari, purché relative alla fidejussione finalizzata alla richiesta di anticipo del 40% del sostegno;
  5. per riqualificazione ambientale;
  6. di costituzione della società, entro il limite massimo di euro 3.000,00€ anche se sostenute nei 12 mesi antecedenti la data di pubblicazione nel BUR del presente provvedimento;
  7. di progettazione, direzioni lavori e collaudo connesse agli interventi edilizi e di impiantistica di cui al precedente n° 3

Periodo di eligibilità delle spese sostenute

Le spese dovranno essere sostenute e pagate interamente dopo la data di iscrizione al Registro delle Imprese in caso di PMI o dalla data di attribuzione del numero di partita I.V.A. da parte dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente in caso di professionisti; a tal fine farà fede la data di emissione della fattura o di altro documento valido ai fini fiscali ed il relativo pagamento. Non sono tuttavia ammissibili i progetti portati materialmente a termine o completamente attuati prima della presentazione della domanda di sostegno, a prescindere dal fatto che tutti i relativi pagamenti siano stati effettuati dal beneficiario

 

Forma, soglie ed intensità del sostegno

Il sostegno, a fondo perduto, è assegnato in misura pari al 50% della spesa ammessa effettivamente sostenuta e pagata per la realizzazione del Il sostegno è concesso

  • nel limite massimo di euro 100.000,00 corrispondenti ad una spesa rendicontata e ammessa a sostegno pari o superiore ad euro 200.000,00 IVA esclusa;
  • nel limite minimo di euro 25.000,00 corrispondenti ad una spesa rendicontata e ammessa a sostegno pari ad euro 50.000,00 IVA esclusa.

Regime

I sostegni sono concessi ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013.

Divieto di cumulo

Le agevolazioni previste dal presente Bando non sono cumulabili con altri aiuti pubblici concessi per le medesime spese, incluse le agevolazioni concesse sulla base dell’art.5 del Regolamento “de minimis” citato.

Presentazione

L’apertura dei termini per la compilazione e la presentazione della domanda di sostegno è prevista a partire dalle ore 15.00 del 25 luglio 2019 , fino alle ore 17.00.00 del 28 novembre 2019.

Graduatorie

Gli esiti verranno pubblicati entro 120 giorni dal termine finale per la presentazione delle domande di sostegno

Conclusione progetti

I progetti finanziati dovranno terminare entro 18 mesi dalla pubblicazione sul BUR dell’ammissione a sostengo

 

* strutture ricettive alberghiere (articolo 25, L.r. n. 11/2013): alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico- alberghiere, alberghi diffusi; strutture ricettive all’aperto (articolo 26, L.r. n. 11/2013): villaggi turistici, campeggi; strutture ricettive complementari (articolo 27, L.r. n. 11/2013): alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast

 

Richiesta informazioni